Le-nostre-anime-di-notte-Kent-Haruf-orizzontaleok

Le nostre anime di notte, una storia d’amore e di coraggio

Le nostre anime di notte è un delicato romanzo ambientato a Holt, in Colorado, un luogo immaginario ed al tempo stesso ben delineato nella mente di ogni lettore di Kent Haruf.
La vicenda che viene narrata è quella di Addie Moore e Louis Waters, due anziani vicini di casa, entrambi vedovi, e della loro storia di amore ed amicizia. Insieme, ripercorrendo gli eventi delle loro esistenze, cercheranno di fare pace con il passato.

Le nostre anime di notte, una storia d’amore

Una sera Addie va a trovare Louis e gli propone di dormire insieme, per “parlare di notte, al buio”.
Ne Le nostre anime di notte inizia così una serie di incontri, fatti di sacchetti di carta con il pigiama dentro, un bicchiere di vino per lei e una birra per lui prima di andare a letto e i racconti delle loro vite distanti:
“Che altro vuoi sapere? Da dove vieni. Dove sei cresciuta. Com’eri da ragazza. Com’erano i tuoi genitori. Se hai fratelli e sorelle. Come hai conosciuto Carl. Che rapporti hai con tuo figlio. Come mai ti sei trasferita a Holt. Chi sono i tuoi amici. In cosa credi. Che partito voti. Ci divertiremo un sacco a parlare, eh? disse lei. Anch’io voglio sapere tutto di te.”

…e di coraggio

Stesi l’uno accanto all’altro, al buio, si raccontano i sogni e i desideri giovanili, le tragedie e i momenti tristi vissuti da adulti, con la consapevolezza di fondo che nella vita non si può aggiustare tutto: “Ci proviamo sempre. Ma non ci riusciamo.
I ritratti che emergono sono quelli di due persone che sentono di meritare ancora di essere felici.
“La verità è che mi piace. Mi piace molto. Se non lo facessimo, mi mancherebbe. Tu che ne pensi? (…) Anche a me piace tutto questo.”

Intorno a loro ci sono le voci del paese, alle quali sentono di non voler più dar peso, e soprattutto i rispettivi figli, coloro nei quali tanto si riflettono gli errori, che essi hanno commesso nelle loro esistenze.
Ed anche la presenza di un bambino, il nipote di Addie, che trova nei due anziani un punto di riferimento e che la porterà a fare, di nuovo, delle scelte dolorose.
Ad avvolgere tutto la natura, con la sua presenza rassicurante, sempre presente nella scrittura di Kent Haruf; spesso i suoi personaggi, come lo stesso Luis, cercano il legame con la natura nei momenti difficili della propria vita.

Due personaggi improbabili?

Ad un certo punto l’autore inserisce nella conversazione tra i due protagonisti una citazione su alcuni personaggi dei suoi precedenti libri, su Holt con la sua campagna circostante, e su sé stesso:
“Potrebbe scrivere un libro su di noi. Ti piacerebbe? Non mi va di finire in un libro, rispose Louis. La nostra storia non è più improbabile di quella dei due vecchi allevatori di bestiame.
Però è un’altra cosa. In che senso? chiese Addie. Bè, siamo noi. Non siamo improbabili, non mi sembra.

Nei romanzi di Haruf, in realtà, non ci sono personaggi improbabili ed anche se immerse in luoghi che non esistono, le storie narrate sono dense e realistiche, storie di persone normali.
Le inevitabili crudezze della loro vita non vengono nascoste ma raccontate con delicatezza, svelando una grande consapevolezza dei sentimenti.
La natura e gli ambienti circondano il racconto degli eventi e i dialoghi facendone da potente accompagnamento: il mondo che crea accoglie il lettore, legandolo così forte a sé da sentirne la mancanza.

Le nostre anime di notte, l’ultimo libro di Kent Haruf

Il romanzo Le nostre anime di notte è stato pubblicato postumo, l’autore è morto poco dopo averlo consegnato ed in quest’ottica il testo si carica ancora più di significato: “Ma stiamo anche andando avanti, non è vero? disse lei. Stiamo continuando a parlare. Fin quando potremo, finché dura.”

Uno scrittore sicuramente da scoprire: tutti ambientati ad Holt, i suoi libri vi mostreranno un interessante spaccato della società americana descritto da un animo amante dalle descrizioni e dei dettagli, capace di trasmettere una grande intensità, l’animo, anche, di un grande lettore:
“Personalmente torno sempre a leggere e rileggere Faulkner, Hemingway e Cechov. Non mi stanco mai di leggerli. […] Leggo tutti i giorni. Se non lo faccio, mi sembra che sia stato un giorno inutile.”


Le-nostre-anime-di-notte-Kent-Haruf-copertina
Scheda Libro


Titolo:
Our souls at night

Titolo italiano:
Le nostre anime di notte

Autore:
Kent Haruf

Prima Edizione:
2015

Editore:
NNEditore

Anno:
2017

Traduzione:
Fabio Cremonesi


Posted in Narrativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *